Cerca nel negozio di Prodotti Tipici

tasto link a sito zero 1

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Ultimo Grappolo - Vino bianco ottenuto da uve appassite - Ghiga


Prezzo di vendita * 19,88 €
Sconto
Descrizione (clicca qui per i dettagli sul trasporto) Informazioni di base Nome del prodotto: Ultimo Grappolo Vitigno: Moscato Denominazione: vino ottenuto da uve appassite Classificazione: - Colore: bianco Tipologia: fermo Paese/Regione: Italia - Piemonte Annata: 2015 Alcool svolto: 12 % vol. Zucchero residuo: 173 g/l Numero di bottiglie prodotte: 1400 Vinificazione Metodo: sovramaturazione delle uve in vigneto fino al raggiungimento di circa 13,50 14 % vol. di alcool potenziale, seguita dalla vendemmia e disposizione dei grappoli(tagliati in piccoli pezzi) su appositi graticci in un locale arieggiato. Segue un appassimento di circa un mese, fino al raggiungimento di 20 25 % vol di alcool potenziale. Successivamente le uve vengono pressate intere ed il mosto illimpidito spontaneamente (senza uso di chiarificanti), quindi avviato alla fermentazione alcolica mediante un ceppo apposito di lievito selezionato. Il prodotto viene realizzato esclusivamente in annate particolarmente favorevoli per l appassimento delle uve, al fine di garantire il massimo livello qualitativo. Temperatura: 15 c per tutta la durata del processo Durata: pi di 20 giorni Malolattica: non effettuata Affinamento: 4 mesi in vasca d acciaio Tempo minimo in bottiglia: 1 anno dall imbottigliamento Bottiglia Peso della bottiglia vuota: 500 grammi Data imbottigliamento: 30/03/2016 Potenziale d invecchiamento: massimo 4 anni Dimensioni del turacciolo: 28 x 42 Materiale del turacciolo: sughero Tipo di bottiglia: renana orl ans da 0,375 l. Vigna % Uva/Vitigno: 100% Moscato Terreno: marnoso, con una grande dotazione di calcare Esposizione: sud ovest Metodo di Allevamento: inerbimento spontaneo, con 2 sfalci dell erba durante la stagione primaverile estiva ed una lavorazione del terreno (ripuntatura con ripper a 3 denti)a 30 40 cm di profondit , effettuata in autunno. Limitato uso di diserbanti e anticrittogamici Anno d impianto: 1977 Data della vendemmia: 07/09/2015 Tipo di vendemmia: manuale in cassette Geolocalizzazione: media collina Analisi chimiche Estratto secco [g/l]: 40 Acidit totale [g/l in acido tartarico]: 6,50 Acidit volatile [g/l in acido acetico]: 1,20 SO2 totale [mg/l]: 85 SO2 libera [mg/l]: 10 Confezionamento Numero di bottiglie per scatola: 6 Dimensione della scatola: 260 x 172 x 311 mm Tipo di scatola: cartone ondulato bianco in microtripli, autografato con il marchio aziendale
Il Passito di Moscato pu avere gli abbinamenti pi svariati, dai formaggi alla pasticceria. Grazie alla sua consistenza liquorosa, Ultimo grappolo si pu anche servire come un liquore dolce a bassa gradazione. Ottimi sono gli accoppiamenti con dolci di ogni genere e biscotti; accompagna bene anche i formaggi, se questi non sono troppo forti. Il passito si pu inoltre utilizzare per la preparazione di gustose macedonie di frutta, torte e tiramis . Ultimo grappolo il vino della meditazione e del pensiero. Ottimo compagno di riflessioni, si pu bere in solitudine, tra un pensiero e l altro, ma anche in allegria e compagnia, per esempio a fine pasto come digestivo. Il prodotto va servito preferibilmente ad una temperatura di circa 10 C. Cenni storici Vino passito bianco aromatico di moderata gradazione alcolica ed ottima struttura, Ultimo Grappolo rappresenta la versione passito del moscato, importante vitigno piemontese che d origine ai famosi Moscato d Asti ed Asti spumante DOCG. La pratica di far appassire le uve per aumentare il grado alcolico proviene probabilmente dall isola di Pantelleria, terra originaria dei passiti pi conosciuti al mondo. La via tramite la quale questa tecnica giunta in Piemonte non nota. L unica certezza riguarda il fatto che in passato, nel caso di annate piovose o particolarmente sfavorevoli, i viticoltori piemontesi avevano l usanza di lasciare i grappoli attaccati alle viti fino a quando cominciavano ad appassire; l appassimento serve infatti a concentrare gli zuccheri e tutte le altre sostanze, provocando un aumento considerevole della qualit del prodotto. In seguito si visto che, tramite questa tecnica, si otteneva un vino liquoroso molto dolce e colorato, dal gusto piacevole di uva passita; in questo modo iniziata la produzione del passito di Moscato e negli anni si addirittura arrivati alla nascita di una denominazione di origine, il Piemonte Moscato passito. La produzione di passito in Piemonte oggi molto limitata, in quanto la lavorazione richiede molto tempo e cure meticolose, inoltre non tutte le annate sono favorevoli; per questo motivo molti produttori hanno scelto di non produrre questo vino. Tuttavia, nella zona del Moscato, la pratica dell appassimento stata perfezionata e portata avanti da alcuni viticoltori, uomini dalla forte volont che ottengono da queste uve aromatiche ottimi prodotti, riconosciuti anche da concorsi nazionali ed internazionali. La Cantina Enrico appena ventiseienne e suo fratello Davide, ancora studente alla scuola enologica, portano avanti con passione l'azienda di famiglia con sede a Castiglione Tinella, zona rinomata per la produzione del Moscato d Asti. Alle colture di Moscato sono stati affiancate quelle di Dolcetto e Barbera.
Regione / Region
Piemonte
Packaging
Bottiglia 0.5 L
Denominazione / Denomination
Vino bianco
Annata / Year
2015
Evasione Ordine / Order fulfillment
24/48h lavorative | 24/48 working hours

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
In caso contrario potresti riscontrare problemi nella fase di acquisto.